Inicio Senza categoria Sorseggiando con i Mogwai

[LIVE REPORT+GALLERY] Sorseggiando con i Mogwai

I Mogwai sono finalmente ritornati in Italia e questa volta con ben tre date. La prima di tutte a Milano, presso il Fabrique, per poi proseguire verso Roma e Bologna.

L’ultima volta che li abbiamo potuti vedere dal vivo, nel 2014 all’Alcatraz, portavano in giro per il mondo l’acclamato Rave Tapes. Questa volta l’album dell’occasione è invece Every Country’s Sun, uscito il primo di settembre.

Dopo aver avuto un più che discreto successo per le soundtrack realizzate per la serie francese “Les Revenants”, tra un album e l’altro la band scozzese , ha lavorato alle soundtrack di film come “Before the Flood” e “Atomic”. È quindi un’emozione incredibile poterli finalmente rivedere sul palco dopo tanta attesa.

Il concerto non è neanche ancora iniziato che già ci si potrebbe ritenere soddisfatti e andarsene via. La prima canzone è Mogwai Fear Satan. Di sicuro una sorpresa da ricordare e che ha reso il concerto sin da subito speciale. Del resto però, andando lungo la scaletta non c’è niente che non funzioni, è semplicemente perfetta.

Ovviamente sono alcuni dei pezzi del nuovo album a farla da padrone lungo la serata, ma diversi pezzi da diversi album sono lì posizionati e rimescolati per regalarci qualcosa di incredibile. Tanto rispetto va alla band che a ogni live set, ancora dopo venti anni di onorata carriera, ripercorre la propria discografia in diversi modi. Per capirlo ci basta gettare uno occhio sulle scalette dei concerti di Roma e Bologna.

Durante la serata pezzi come Cody dell’album Come On Die Young, New Paths to Helicon, Pt. 1 di Special Moves, Rano Pano di Hardcore Will Never Die, But You Will e 2 Rights Make 1 Wrong di Rock action fanno tuffare il pubblico nel passato. Fino alla più recente Remurdered di Rave Tapes, capace di far perdere chiunque nel suo labirinto di suoni.

L’energia continua a crescere, ci sono i classici scambi di strumenti tra i componenti della band, e assaporiamo tutto lentamente come il frontman della band Stuart Braithwaite assapora il suo bicchiere di vino rosso. I volumi ai quali stanno suonando sono perfetti.

La band lascia il palco per tornare qualche minuto dopo con un bis composto dalla title track di Every Country’s Sun e la vecchia We’re No Here. Poi Braithwaite appende la sua chitarra all’asta del microfono e ci saluta. Alla prossima. Grazie.

 

SCALETTA:

Mogwai Fear Satan
Party in the Dark
Cody
Ithica 27ø9
Battered at a Scramble
Crossing the Road Material
New Paths to Helicon, Pt. 1
Don’t Believe the Fife
Rano Pano
2 Rights Make 1 Wrong
Remurdered
Old Poisons

Every Country’s Sun
We’re No Here

Di seguito le foto di Laura Lei alla data di Bologna

Comments

comments