Home Senza categoria G-Eazy, un successo in Italia

G-Eazy, un successo in Italia

1
0
G-Eazy

Siamo stati il 17 maggio 2018 al Fabrique di Milano per assistere all’unica data italiana del The Beautiful and Damned Tour di G-Eazy. Una prestazione degna di nota per il rapper di Tempe, grazie anche alla band e al flow tagliente che ha mantenuto per tutta la durata del concerto, senza sosta. Fabrique pieno e con un pubblico caloroso, il punto di forza che ha permesso al rapper di dichiarare con un post su Instagram “Una delle migliori serate della mia vita”, cosa che per le altre date non ha fatto. Se pensiamo che nei tour europei molti rapper americani sfruttano le date italiane per riposare senza offrire performance incredibili come questa, beh, è facile intuire quanto Gerald abbia apprezzato la tappa milanese.

Il concerto è durato un’ora e mezza: il rapper si è esibito con brani sia del nuovo album, The Beautiful and Damned, che dei vecchi album These Things Happen e When It’s Dark Out.

Il pubblico ha potuto esaltarsi sulle note di banger come I Mean It, Eazy e Pray for Me e cantare a squarciagola i pezzi che più di tutti hanno permesso a G-Eazy di farsi conoscere nel mondo, ovvero Him & I e Me Myself & I. Queste due canzoni, poste in chiusura prima di No Limit, hanno consentito al rapper di salutare al meglio i fan più calorosi.

L’artista, per tutta la durata del live, non ha mai perso occasione per ringraziare il pubblico italiano e l’impressione è che, per una volta, le sue non siano le classiche parole di circostanza per riempire silenzi ma veri e propri attestati di stima. Un live dove nessuno è stato fermo un secondo, dimostrazione che il rap in Italia non è sottovalutato come molti pensano.

SCALETTA

1. The Beautiful And Damned
2. Pray For Me
3. Legend
4. The Plan
5. But a Dream
6. That’s a Lot
7. Lotta That
8. I Mean It
9. Order More
10. Sober
11. No Less
12. Some Kind of Drug
13. You and Me (Marc E. Bassy cover)
14. Fly Away
15. Leviathan
16. Gotdamn
17. 1942
18. Random
19. Buddha
20. Same Bitches
21. Calm Down
22. Say Less (Dillon Francis cover)
23. Eazy
24. Him & I
25. Me Myself & I
26. No Limit

Comments

comments

Previous articleLas Noches del Botánico llegan a Madrid
Next articleCartel por días del Low Festival