[REPORT] Sigur Rós LIVE @ Mediolanum Forum di Assago (Milano)

I SIGUR ROS IN CONCERTO AL MEDIOLANUM FORUM DI ASSAGO PER LA LORO UNICA DATA ITALIANA il 17 Ottobre 2017

0

Il nuovo tour mondiale della band è arrivato nella città meneghina per la sua unica data italiana. Un tour importante, visto che sono ormai passati venti anni dalla pubblicazione dell’album di esordio Von.

Il famoso trio islandese si è esibito lo scorso martedì 17 ottobre al Mediolanum Forum di Assago in un live che oltre a regalare grandi emozioni ha presentato qualche nuova sorpresa. Oltre a ripercorrere la loro ormai vasta discografia la band ha infatti svelato anche qualche nuova traccia inedita.

Come da istruzioni il concerto inizia presto e puntuale e per la prima volta la band sceglie di non aver nessun opening act prima di salire sul palco. Jónsi e compagni infatti hanno deciso di portare in giro per il mondo uno spettacolo da cinema delle emozioni, diviso in due set e con una pausa nel mezzo.

Il concerto inizia sulle note della canzone intitolata Á e procede accompagnandosi con una scenografia che pezzo per pezzo va svelandosi sempre di più. Ai lati del palco due maxi-schermi ritraggono i movimenti della band sul palco, facendo parte essi stessi di una scenografia più grande. Le riprese video sono infatti modificate in base ai brani suonati dalla band.

Sin dall’inizio il pubblico è in estasi. La maggior parte delle persone è immobile, neanche gli applausi sembrano molto coscienti fino all’arrivo del brano Glósóli. A questo punto si può vedere gente iniziare a muoversi, alcuni ballano nel parterre, alcuni si abbracciano e c’è chi concentrato chiude gli occhi e si lascia andare fino all’arrivo dell’intermezzo, come una pausa all’autogrill durante un lungo viaggio.

Dopo la pausa di quindici minuti, la band riprende il palco con il brano Óveður, singolo uscito l’anno scorso per anticipare il loro prossimo album. L’esecuzione di questa canzone è più di tipo digitale. Il cantante Jónsi lascia andare chitarra e archetto e si dà al canto su delle basi molto più pestate e industrial.

Subito dopo si ritorna nell’oceano di suoni di canzoni come Sæglópur e la celebre Vaka e, parlando di oceano, con Festival, uno degli ultimi brani in scaletta, Jónsi ci dimostra di non aver alcun problema a stare sott’acqua tenendo un bellissimo acuto per quello che sembra un tempo infinito.

Da specificare che da parte dei Sigur Rós non ci siano state comunicazioni durante il concerto se non prima dell’ultimo brano e che le poche parole dette siano state dette in islandese. Una lingua difficile, anche solo da intuire, che viene da lontano. Ma è lì che ci porta la musica dei Sigur Rós.

 

SETLIST DEL CONCERTO:

  1. Á
  2. Ekki Múkk
  3. Glósóli
  4. E-Bow
  5. Dauðalagið
  6. Fljótavík
  7. Niður
  8. Varða

 

  1. Óveður
  2. Sæglópur
  3. Ný Batterí
  4. Vaka
  5. Festival
  6. Kveikur
  7. Popplagið

 

Comments

comments